News ed Eventi

Agrigento e Monti Sicani, i due parchi si mettono in rete

1600x900 1533722993488.Foto Protocollo d IntesaIl Parco archeologico di Agrigento e il Parco dei Monti Sicani fanno rete. L'accordo è stato siglato a Palermo alla presenza degli assessori regionali del Territorio e Ambiente Toto Cordaro, del Turismo Sandro Pappalardo e dei Beni culturali Sebastiano Tusa, con l'obiettivo di valorizzare una parte del territorio siciliano che vede come destinazione turistica di rilievo quella di “Agrigento - Valle dei Templi - Sciacca” e apre la strada a nuove ipotesi di progettazione per l’utilizzazione dei fondi comunitari.Il Parco archeologico di Agrigento e il Parco dei Monti Sicani fanno rete. L'accordo è stato siglato a Palermo alla presenza degli assessori regionali del Territorio e Ambiente Toto Cordaro, del Turismo Sandro Pappalardo e dei Beni culturali Sebastiano Tusa, con l'obiettivo di valorizzare una parte del territorio siciliano che vede come destinazione turistica di rilievo quella di “Agrigento - Valle dei Templi - Sciacca” e apre la strada a nuove ipotesi di progettazione per l’utilizzazione dei fondi comunitari.La collaborazione fra i tre assessorati mira a incentivare e promuovere le attività imprenditoriali e commerciali, soprattutto giovanili presenti nell’area. Un altro scopo del network è la sensibilizzazione all’ambiente attraverso l’educazione permanente, anche attraverso interventi destinati alla popolazione residente e di prossimità.
Le prime attività previste riguardano la presentazione di progetti per attivare fondi Ue nel periodo 2014-2020. Le informazioni dei due parchi saranno messe in rete attraverso i rispetti portali internet. Si punta a diversificare l’offerta turistica, a promuovere i prodotti tipici del territorio, a sviluppare la ricerca archeologica, paesaggistica, culturale, enogastronomica e naturale, a ottimizzare le esperienze dei sistemi di gestione, produrre materiale unico ai fini della promozione turistica, soprattutto sui mercati esteri puntando ad ambiti di nicchia.
“Ambiente e cultura rappresentano i due ingredienti per scoprire il territorio e sviluppare nuove economie basate sulla valorizzazione delle arti, delle tradizioni e dei luoghi. La tendenza, a livello internazionale – dichiara l’assessore del Territorio e dell’Ambiente Toto Cordaro – è quella legata al turismo emozionale e i parchi, naturali o culturali, con il sistema dei vincoli imposti nel tempo, sono realtà protette in cui può ancora ritrovarsi la misura di un’umanità unica, ricca e generosa”.
“Natura, cultura e paesaggio sono il mix vincente di un’isola che, nell’accezione più diffusa è baciata dagli dei e nella quale si sposano sapientemente culture millenarie. La Valle dei Templi – dichiara Sebastiano Tusa, assessore regionale dei Beni culturali - con le sue vestigia ci ricorda il valore della convivenza delle culture e della ricchezza che nasce dalla sapiente commistione degli stili e delle diverse sapienze umane”.
“La valorizzazione turistica della Sicilia è lo strumento cardine per il rilancio economico e sociale della nostra isola – dichiara l’assessore al Turismo Sandro Pappalardo. I dati economici sono in evidente crescita con una predilezione per il turismo emozionale e di nicchia. La Sicilia offre in uno spazio circoscritto alcune tra le migliori espressioni al mondo di arte, architettura, cultura, tradizioni, per non parlare dell’enogastronomia che asseconda la richiesta di un’ampia fetta di turismo internazionale”.

FONTE: RAINEWS

icone 190x190 DOVE DORMIREicone 190x190 DOVE MANGIAREicone 190x190 SERVIZIicone 190x190 ITINERARIicone 190x190 I COMUNI